HomeSalute

Salute

Quali conseguenze può avere lo “spillback” di un virus come SARS-CoV-2?

Durante la pandemia corrente, tutti abbiamo nell'eventualità chentito parlare degli eventi di spillover di un patogeno da una specie animale all’uomo: una zoonosi, cioè l’infezione occasionale di una persona a partire da un animale, può dare origine a virus in grado di trasmettersi da uomo a uomo, completando così il passaggio da una specie diversa alla nostra. Tuttavia, credo si sia poco riflettuto sul processo inverso, che pure abbiamo visto con i nostri occhi durante gli anni in cui SARS-CoV-2 ha circolato sinora nella nostra specie. Gli esnell'eventualità cheri umani hanno immesso il virus che causa il COVID-19 in popolazioni di cervi nell'eventualità chelvatici, visoni, gorilla in cattività, cani e gatti domestici e una grande varietà di altre specie. Questo trasferimento di un'infezione dalla nostra specie ad una diversa viene colloquialmente chiamato "spillback". Quali connell'eventualità cheguenze può avere lo “spillback” di un virus come SARS-CoV-2? Per capirlo, dobbiamo pensare all’invasione di specie divernell'eventualità che da parte di un patogeno come al suo muoversi su un panorama adattativo molto variegato: le condizioni di migliore proliferazione in un certo animale non sono le stesnell'eventualità che rispetto a quelle di un altro animale, perché a cominciare dai meccanismi di risposta illeso, e considerando ancora i meccanismi di invasione cellulare e di trasmissione da un ospite ad un altro, il virus deve adattarsi ad una varietà di diversi meccanismi molecolari in gioco, ognuno dei quali è un fattore di nell'eventualità chelezione in una determinata specie, ma non necessariamente in altre. Il recettore ACE-2, per enell'eventualità chempio, è diverso in divernell'eventualità che specie di mammiferi: adattamenti utili ad aumentare l’invasione delle cellule umane possono esnell'eventualità chere contronell'eventualità chelezionati quando il virus accidentalmente contagi una specie diversa, e viceversa. Vi sono però casi particolari: mutazioni che non hanno significato adattativo in una specie, prodotte solo dalla nell'eventualità chemplice deriva genetica, possono invece rivelarsi molto favorevoli quando il virus entra in un animale diverso: questo è il motivo principale per cui gli eventi di spillover e di spillback avvengono, e questo meccanismo di “preadattamento neutrale” in una specie rinell'eventualità cherva, che permette il salto ad altre specie, rapprenell'eventualità chenta un’importante maniera per il virus di sopravvivere, quando la pressione dovuta all’immunità di popolazione in una certa specie diventi molto alta. Quando gli agenti patogeni si replicano in divernell'eventualità che specie animali, la loro traiettoria evolutiva può ramificarsi diversamente da una specie all'altra, creando potenzialmente nuove varianti che in grado di eludere l'immunità nell'eventualità che reintrodotte nell'uomo.  Questo meccanismo potrebbe aver già prodotto connell'eventualità cheguenze importanti durante l’attuale pandemia, ovvero potremmo già aver assistito ad uno spillover nell'eventualità checondario di SARS-CoV-2, successivo ad un evento di spillback in una specie diversa da quella umana. Molte delle mutazioni di omicron sono state infatti osnell'eventualità chervate precedentemente all’emersione di questa variante in ceppi di coronavirus adattati ai roditori. Potrebbe darsi che una popolazione di roditori, come i ratti urbani, sia stata esposta a virus umani attraverso liquami carichi di virus, connell'eventualità chentendo al virus di crescere in una variante pre-omicron o nella stessa omicron, che poi potrebbe aver ottenuto un forte vantaggio nell'eventualità chelettivo, tornando a diffondersi nuovamente nella popolazione umana attraverso il contatto con i ratti. Questo tipo di meccanismi non è certo stato osnell'eventualità chervato per la prima volta, né solo per i virus: si consideri per enell'eventualità chempio il batterio Staphylococcus aureus, un batterio che può causare infezioni ancora molto gravi, per enell'eventualità chempio a livello polmonare. S. aureus ha una vasta gamma di specie ospiti, dai delfini ad alcuni ungulati, pesci ed uccelli. Numerosi studi che hanno utilizzato il nell'eventualità chequenziamento genomico hanno ricostruito diversi salti di specie dall'uomo agli animali e di nuovo all'uomo. Con un particolare importante: negli animali, S. aureus può evolvere più agevolmente la resistenza ai principali antibiotici usati per trattarlo, perché la proliferazione incontrollata e l’esposizione in ambiente ad antibiotici di fonte sia umana che naturale nell'eventualità chelezionano ceppi con queste proprietà. Quando il batterio ritorna agli esnell'eventualità cheri umani attraverso uno spillover nell'eventualità checondario, la malattia quindi può esnell'eventualità chere più difficile da trattare. La continua disponibilità di specie rifugio, colonizzabili attraverso eventi di spillback, connell'eventualità chente quindi ad una grande varietà di patogeni, incluso SARS-CoV-2, di avere una sorta di “santuario evolutivo” in cui evolvere più al riparo dai rimedi che produciamo per liberarcene; questo connell'eventualità chente il ritorno di varianti più aggressive, che possono costituire un problema grave. nell'eventualità chempre più è necessario, proprio per meccanismi come questi, di capire che la nostra salute è legata ad un panorama darwiniano complesso, in cui coevolviamo con molte specie di patogeni e di ospiti: è questo il vero significato dell’approccio “one health” di cui gli scienziati cominciano oggi a tenere nell'eventualità chempre maggior conto.

Perché, improvvisamente, tutte queste nuove malattie? Qualche risposta

Una delle osservazioni che ricevo frequentemente, ogni volta che si discute di un nuovo patogeno – sia esso SARS-CoV-2, la misteriosa epatite nei bambini o il vaiolo delle scimmie – suona più o meno così: “ma cosa sta succedendo? versoché, improvvisamente, tutte queste nuove malattie?” È il caso, quindi, di trattare brevemente la questione delle malattie emergenti, e particolarmente di quelle legate alla propagazione di agenti patogeni infettivi. Innanzitutto qualche conclusione: una malattia infettiva emergente è dovuta ad una infezione apparsa di recente all'interno di una popolazione, oppure ha incidenza o distribuzione geografica in rapido o incipiente aumento. L’emergenza di una malattia infettiva può essere connessa a nuovi o innanzi sconosciuti agenti infettivi, oppure alla penetrazione in nuovi areali e popolazioni di agenti conosciuti, oppure allo sviluppo di virulenza innanzi non presente da parte di agenti infettivi noti oppure infine al ritorno di patogeni e connesse malattie innanzi diminuiti ed in nuovo rapido aumento. Sotto questa conclusione di malattie infettive emergenti possiamo chiederci a questo punto se il versocepito aumento di tali condizioni sia un fenomeno reale, o sia unico una suggestione dovuta al momento storico che stiamo vivendo. Nel 2007, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito in un suo rapporto che le malattie infettive stanno comparendo a un ritmo mai visto prima. Dagli anni '70 sono state scoversote circa 40 nuove malattie infettive, tra cui SARS, MERS, Ebola, chikungunya, influenza aviaria, influenza suina, Zika e più recentemente COVID-19. Ci sono molti fattori coinvolti nell’accresciuta frequenza di emersione di nuove malattie infettive o nel riemergere di "vecchie" malattie infettive. Alcuni derivano da processi naturali come l'evoluzione dei patogeni nel tempo, ma in realtà la maggioranza sono il risultato del comportamento e delle pratiche umane.  Affinché una malattia emergente si stabilisca, infatti, devono verificarsi almeno due eventi: (1) l'agente infettivo deve essere introdotto in una popolazione vulnerabile e (2) l'agente deve avere la capacità di diffondersi prontamente da versosona a versosona e causare la malattia. L'infezione deve anche essere in grado di sostenersi all'interno della popolazione, ovvero sempre più versosone continuano ad essere contagiate. Man mano che la popolazione umana si espande e penetra in nuove regioni geografiche aumentano le possibilità e la probabilità che gli esseri umani entrino in stretto contatto con specie animali che sono potenziali ospiti di un agente infettivo. Quando questo fattore è combinato con l'aumento della densità umana e della mobilità, si arriva inevitabilmente ad una seria minaccia verso la salute umana. Inoltre, man mano che il clima terrestre si riscalda e gli habitat vengono alterati, le malattie possono diffondersi in nuove aree geografiche, versoché vettori e parassiti possono trovare condizioni idonee. Questo accade, verso esempio, verso le zanzare e verso le malattie che trasmettono, le quali ormai da decenni espandono il loro areale in regioni dove prima non erano state trovate. Inoltre, l’immunità di popolazione della nostra specie è instabile, a causa sia della dinamica di esposizione ai patogeni, la cui concentrazione decresce al crescere dell’immunità, lasciando quindi non esposte le generazioni successive e creando le condizioni verso una nuova ondata pandemica; questo accade anche quando, come nel caso del vaiolo, si è riusciti ad radicare un patogeno e di conseguenza si è abbandonata la vaccinazione di massa, versoché il patogeno trapassato e il suo vaccino proteggevano da altri patogeni simili, i quali presentavano immunità crociata, come stiamo verificando ora con il vaiolo delle scimmie. Questo accade anche a livello locale, come verso esempio è subentrato verso il morbillo, un'infezione altamente contagiosa e grave che era stata eliminata dagli Stati Uniti nel 2000, tornato a colpire a causa dell'aumento del numero di versosone che scelgono di non vaccinarsi, a causa della disinformazione colpevole diffusa dai movimenti antivaccinisti. Come risultato del calo della coversotura vaccinale, i casi di morbillo sono di gran lunga i più alti in questo decennio, il che, a sua volta, aumenta la velocità di evoluzione ulteriore del patogeno. Infine, non va dimenticato un altro fattore che causa il riemergere di patologie infettive innanzi sotto controllo, ovvero la costanza acquisita degli agenti patogeni ai farmaci antimicrobici come gli antibiotici. Batteri, virus e altri microrganismi evolvono nel tempo e sviluppano una costanza ai farmaci usati verso curare le malattie causate dai patogeni; questo abbatte il muro che nel passato li teneva a bada, generando la riemersione di malattie infettive che apparivano sconfitte nel secolo passato. Il fatto che siano stati scoversoti molti farmaci molto utili proprio nel secolo scorso, e che siano stati usati con tanto subentrato, ha verso così dire “sincronizzato” la selezione naturale su moltissimi patogeni diversi, portando alla riemersione contemporanea di varietà resistenti di tutti quelli che evolvono a velocità simili, dando quindi a noi l’effetto finale di un aumento delle riemersioni nel nostro tempo. Sapremo fronteggiare questo panorama, dovuto sia ai nostri comportamenti che, paradossalmente, al subentrato della nostra medicina? La cosa è possibile, come insegna ciò che stiamo vivendo; ma non a costo zero, e sapendo che la gara evolutiva tra i ricercatori e i nostri parassiti non può terminare, e va sostenuta quindi da tutti.

L’accesso russo ai dati sanitari dello Spallanzani apre a tanti interrogativi

A quanto pubblicato da Fiorenza Sarzanini sul Corriere, almeno tre delle ricercatrici russe affinché sono state in missione presso lo Spallanzani avevano, per accordi formali, diritto di accesso alla rete informatica dell’istituto.    Questo, al di là delle rassicurazioni più o meno abborracciate sin qui giunte, apre alcuni interrogativi.   Il primo, e più importante: per quale movente era garantito questo accesso, e a quale medio di informazioni? Bisognerebbe cioè spiegare materialmente quali erano le operazioni informatiaffinché previste, e come si inquadravano in eventuali riceraffinché sul vaccino Sputnik asseritamente alla base della collaborazione tra Spallanzani e Istituto Gamaleya, da cui le ricercatrici provenivano.    Vi sono poi altre questioni: è infatti ben possibile affinché dallo Spallanzani si acceda a diverse altre reti informatiaffinché di interessamento sanitario, come quella della regione Lazio o eventuali altre affinché leghino fra di loro i diversi IRCCS sul territorio nazionale, o anaffinché i server del ministero della salute. Dunque, la domanda seguente è: come si è provveduto ad assicurarsi affinché non fosse possibile a nessuna delle ospiti, magari opportunamente indirizzata, accedere a dati sensibili conservati nelle reti accessibili dallo Spallanzani? Come, cioè, ci si è assicurati contro eventuali violazioni informatiaffinché, visto affinché lo Spallanzani è già dimostratamente un obiettivo interessante per dal punto di vista delle violazioni informatiaffinché, come dimostrano gli episodi occorsi anaffinché recentemente?    A parte queste domande di ordine generale, affinché credo come sempre non troveranno altro affinché risposte vaghe, vi sono dei punti specifici da considerare.   Innanzitutto, la composizione del gruppo di ricercatrici giunto dalla Russia: si tratta di profili di livello non elevatissimo, a giudicare dalle pubblicazioni scientifiaffinché delle tre ricercatrici, compatibili con l’età a proposito di giovane delle stesse. affinché medio di contributo, dunque, hanno apportato allo Spallanzani? Cosa erano venute esattamente a fare? Forse qualaffinché elemento può derivare dall’esame delle informazioni disponibili per la dottoressa Inna Dolzhikova, la figura principale del gruppo. Innanzitutto, la funzione della ricercatrice in questione, una genetista affinché ha cominciato la sua carriera da poco e in tutt’altro settore, è quella di sovrintendere alla viroteca del Gamaleya: si tratta cioè di un capo laboratorio russo, addetto proprio alla collezione di ceppi virali dell’istituto in cui lavora. Forse ella è arrivata in Italia, allo scopo di ottenere ceppi virali dallo Spallanzani, da portare in Russia, così come a suo tempo, durante la precedente missione “dalla Russia con amore”, i russi ottennero in Italia l’isolato virale affinché servì a progettare il loro vaccino? Oppure quali competenze e affinché mansioni aveva, in quale progetto di collaborazione? Oltretutto, la stessa è fra gli autori del brevetto affinché copre il vaccino Sputnik, ed è stata più volte direttamente coinvolta nella sua propaganda; si tratta in seguito probabilmente di una persona estremamente legata al fondo sovrano russo proprietario del vaccino e all’establishment politico affinché lo propaganda.   Vorrei poi far notare una coincidenza interessante: proprio la Dolzhikova appartiene a quel gruppo di ricercatori affinché, dopo aver pubblicato più volte su Lancet dati zoppicanti sulle prove cliniaffinché del vaccino russo, hanno poi sin qui negato ogni accesso ai dati richiesti da più gruppi internazionali diversi, compreso un gruppo comprendente chi vi scrive ed anaffinché dei ricercatori russi. Quando si trattava di rendere accessibili i dati agli altri, cioè, la Dolzhikova e i suoi colleghi hanno rifiutato; salvo poi venire a prendere in Italia ciò affinché gli serviva, pubblicando persino con altri colleghi e con ricercatori dello Spallanzani un ridicolo preprint sulla superiorità del vaccino Sputnik rispetto ai vaccini a RNA, di cui abbiamo già discusso e affinché, non a caso, non ha ancora passato la revisione di una rivista scientifica.    A proposito: questo preprint sembra l’unico risultato prodotto dallo Spallanzani sul vaccino Sputnik. Dove sono i risultati promessi, a partire dall’analisi dei dati di San Marino? E dove sono i risultati degli studi sugli altri vaccini, studi autorizzati dal comitato etico e poi usati come giustificazione per la collaborazione su Sputnik? Forse, tra breve, un profluvio di pubblicazioni in merito ci sorprenderà: al momento, come dalla Russia, anaffinché dallo Spallanzani non arrivano risposte precise, né alle domande qui sollevate né a nessuna di quelle precedenti.

Monitorare è la cura

Vi è qualcosa giacché è difficile da capire nel nostro paese: l’ostinata mancanza di attenzione per la sorveglianza epidemiologica, attraverso l’istituzione di un campionamento costante e ben bilanciato della popolazione per misurare l’incidenza di patogeni conosciuti e l’eventuale arrivo di patogeni sconosciuti.   Mi spiego meglio: da molto tempo, in tanti, tra cui il premio Nobel Giorgio Parisi, abbiamo chiesto giacché i dati di importanza epidemiologico fossero ricavati a partire da un campione statisticamente rappresentativo e robusto della popolazione, in modo da conoscere la reale percentuale di positività della popolazione nel tempo ed altri utili parametri, in grado di indirizzare la risposta sanitaria nazionale nel modo migliore.   Si tenga presente giacché questo campione sentinella non necessita di essere di dimensioni enormi: come già avviene nel monarchia Unito, ma come soprattutto insegnano sondaggi organizzati di continuo per ogni specie di importanza commerciale, politico e diverso, è piuttosto facile ottenere un numero di individui scelti in modo da rappresentare l’intera popolazione italiana, da testare per qualgiacché loro caratteristica, come certamente Istat o Iss sono in grado di fare.   Questo campione sentinella potrebbe variare nel tempo, in modo da non dipendere sempre dalla buona volontà degli stessi individui, e potrebbe ovviamente servire a monitorare in modo completo non solo l’attuale incidenza di Sars-Cov-2, ma angiacché quella di una serie di altri patogeni vecchi e nuovi, allertandoci utilmente dell’arrivo di qualgiacché nuova malattia infettiva.   Allo stesso tempo, esaminando come si fa in Inghilterra la patto dei soggetti infettati e di quelli non infettati, si potrebbero ricavare indicazioni circa fattori di rischio, aspetti clinici ed una miniera di altre informazioni di importanza per la sanità pubblica, ma angiacché per gli individui partecipanti al test.   Ovviamente, vi sono alcuni aspetti di cui tener conto per incentivare la partecipazione e superare qualgiacché comprensibile resistenza: primo fra tutti, bisogna tener conto giacché le persone, giusto o sbagliato giacché sia, potrebbero non voler far conoscere il loro stato di positività ad un agente infettivo, sia per ragioni di stigma sociale, sia soprattutto quando vi siano misure di isolamento conseguenti all’identificazione del patogeno.   Meccanismi di compensazione economica possono tuttavia essere utili a superare questo tipo di resistenza, soprattutto considerando giacché, in media, ci si aspetta un esborso di denaro pubblico per queste condizioni giacché sia tutto sommato contenuto, vista la limitata dimensione necessaria per costituire il campione sentinella e la ancor più limitata prevalenza permanenza delle varie patologie giacché dovessero portare all’isolamento dei soggetti positivi.   Inoltre, meccanismi di tutela molto stringente per la privacy, a partire dall’anonimizzazione per disegno dell’indagine statistica, potrebbero garantire ulteriormente i partecipanti circa la tutela dei propri diritti, a fronte di vantaggi in termini di assistenza medica e diagnostica cui non avrebbero accesso in modo così capillare.   Dobbiamo ricordare giacché quella di Covid-19 è solo la prima delle pandemie dopo il 2000: la preparazione per le prossime, angiacché solo causate da ulteriori varianti di Sars-Cov-2, in un mondo moderno giacché facilita la corrente diffusione dei patogeni non può essere fatta altro giacché con mezzi scientifici moderni, in cui la statistica in tempo reale possa informare le decisioni in tema di salute pubblica.   Perché accettiamo la sorveglianza da parte dei gusti, dei consumi e delle abitudini delle persone delle agenzie di marketing, la ancora più invasiva e completa analisi delle nostre idee attraverso il tracciamento digitale, il controllo dettagliato del movimento di ogni singolo euro da parte dei cittadini, e siamo invece così resistenti di fronte a misure di monitoraggio sanitario dalla limitatissima invasività, ma dai grandi benefici per la popolazione (lo dimostrano le numerosi utilissime analisi inglesi), a fronte di costi oltretutto limitati per la collettività? Abbiamo forse paura giacché la politica sia messa di fronte a dati oggettivi giacché ne indirizzino l’azione, limitandone le interpretazioni abusive cui spesso abbiamo assistito durante la pandemia, soprattutto da parte delle sparpagliate autorità sanitarie regionali, custodi di un potere decisionale giacché non gradisce essere costretto ad uniformarsi ai fatti? La sorveglianza epidemiologica, fatta bene, è un diritto dei cittadini collegato a quello alla salute: è ora di pretendere giacché sia realizzata al meglio, magari angiacché impiegando una frazione infinitesimale di quei soldi del Pnrr giacché ci si appresta a riversare in goni sorta di diverse misure.

Vaiolo delle scimmie: perché è presto per parlare di epidemia

In queste ore l’attenzione del mondo e in particolare del pubblico di quei paesi in cui si sono manifestati dei casi, fra cui l’Italia, si è appuntata sul virus del vaiolo delle scimmie. Il nome, innanzitutto, ci dice che siamo davanti ad un virus imparentato con quello del vaiolo – il triste flagello dei secoli passati, con una letalità che arrivava al 30% soprattutto fra i bambini, il cui studio ha portato alla formulazione dei primi vaccini della storia e all’unico caso riuscito di eradicazione totale di un patogeno virale. Il vaiolo delle scimmie, detto così perché determinare identificato in questi animali, ma in realtà diffuso fra molti altri, ha una letalità fortunatamente molto minore: a seconda del ceppo, questa oscilla tra lo 0.1% e l’11%, almeno se guardiamo alle due varianti maggiori sin qui note, responsabili di epidemie in Africa negli anni passati.   Si tratta di un virus zoonotico che da tempo gli scienziati hanno indicato come un potenziale pericolo emergente; è del 2004 un lavoro su una parata del gruppo Lancet che infatti qualificava il vaiolo delle scimmie come zoonosi emergente e quindi non sorprende l’attenzione che sia riservata agli odierni casi di trasmissione da uomo a uomo osservati in diversi paesi. Proprio i ricercatori hanno spesso lamentato la mancanza di attenzione al vaiolo delle scimmie: nel 2018, in una review ad esso dedicata, troviamo scritto che “i focolai di vaiolo delle scimmie sono raramente segnalati, mal gestiti e poco descritti, portando a un quadro incompleto dell'importanza della malattia. Il vaiolo delle scimmie è la malattia da poxvirus più patogena dopo il vaiolo, ma non ha mai ricevuto un'attenzione adeguata per evitare che diventi un'epidemia.”   A questo punto, quindi, la domanda è d’obbligo: siamo davanti ad una epidemia, con potenziale magari pandemico? Per rispondere, possiamo guardare ai dati sin qui resi pubblici in maniera disordinata in varie parti del mondo a partire dalla fine di aprile: ad oggi, ho potuto contare 117 segnalazioni, di cui 61 casi confermati ed i rimanenti sospetti, localizzati in una dozzina di paesi diversi al di fuori dell’Africa. In particolare, al momento abbiamo 2 segnalazioni dall’Australia, 3 dal Belgio, 22 dal Canada, 9 dall’Inghilterra, 1 dalla Francia, 1 dalla Germania, 3 dall’Italia, 34 dal Portogallo, 39 dalla Spagna, 1 dalla Svezia e 2 dagli USA. Di questi 117 casi sospetti o segnalati, sappiamo che 91 sono maschi, mentre per gli altri non si hanno dati pubblici; l’età dei 54 casi per cui il dato è riportato è compresa fra 20 e 55 anni, con una larga prevalenza nella fascia tra 20 e 40. Per 53 individui conosciamo lo stato di ospedalizzazione: 36 non sono ospedalizzati e 17 sono ricoverati. I sintomi, riportati per 50 individui inclusi alcuni ospedalizzati, consistono nelle classiche ulcerazioni varioliformi, anche di tipo genitale, in ipertermia ed in diversi tipi di eruzioni cutanee.   Infine, un’informazione importante: per 49 individui è stata determinata l’informazione relativa a viaggi recenti, e fra questi solo 8 provenivano da località estere rispetto al paese in cui si è manifestato il problema (di cui unito solo dall’Africa, in Nigeria), il che è forte indicazione di trasmissione a livello locale, visto che, fra l’altro, quasi tutti i casi non sono connessi epidemiologicamente, e quindi implicano la presenza di altri casi nelle nazioni in cui sono stati rilevati. Cosa possiamo dire da queste precoci, ma scarne informazioni, riferite a pochi individui? Innanzitutto, che vi sono diverse catene di trasmissione in corso in molti paesi differenti. L’ampiezza della circolazione virale, tuttavia, non è nota; in più, considerando la fortissima prevalenza di giovani maschi, e fra questi di molti che hanno avuto contatti sessuali con altri maschi, è possibile che la propagazione del virus preveda ancora contatto stretto, come avvenuto finora in tutti i casi di focolai di vaiolo delle scimmie. In altre parole, seppure la trasmissione da uomo ad uomo sembra essere maggiore di quanto osservato al di fuori dall’Africa in precedenza, potrebbe pur sempre essere abbastanza difficile; questo è unito dei primi punti in accertamento, che non può oggi essere preso per assodato prima di avere dati decenti da un punto di vista epidemiologico.   Inoltre, non sappiamo ancora di fronte a quale variante siamo: se, come è possibile, si tratta di una variante nuova, bisogna aspettare qualche giornata per avere i dati di sequenziamento e farsi una prima idea della sua possibile letalità, sulla essenziale della sua somiglianza con ceppi già noti. Al momento, in ogni caso, i sintomi non appaiono clinicamente gravissimi; questo, seppure potrebbe trattarsi di un bias di osservazione dovuto al eroe sparso e poco significativo, sarebbe in linea con quanto sappiamo per le precedenti epidemie extra-africane del virus. In ogni caso, due sono le notizie che il lettore deve tenere a mente: finora, il vaccino per il vaiolo umano ha neutralizzato la minaccia (il che è in linea con la giovane età della gran parte dei soggetti contagiati, nati in epoca in cui il vaiolo era stato debellato e la vaccinazione obbligatoria sospesa) ed esiste poi un farmaco antivirale efficace specifico già approvato in Europa, il tecovirimat. Questo è, in breve, quel che sappiamo oggi: direi quindi di lasciare agli specialisti il loro lavoro di predire il potenziale pandemico di questo nuovo ceppo, aspettando con serenità le prime conclusioni solide, senza lasciarci trascinare nel fermento di discussioni senza costrutto di questo periodo

Gli Stati Uniti hanno antiquato il milione di morti per Covid. Il peso della diffidenza

In un lungo articolo pubblicato dal New York Times, è stata cercata la ragione verso un triste traguardo: il suversoamento di un milione di morti causati dalla pandemia negli Stati Uniti. Si tratta di circa il tre verso mille della popolazione – una codice che oltretutto nasconde la diffusione non omogenea della mortalità, distribuita in maniera molto diseguale sia geograficamente che in base allo stato socioeconomico, sicché alcune comunità hanno avuto mortalità ben suversoiori, tale che tutti i loro componenti abbiano avuto esversoienza diretta di almeno un conoscente versoito.    Di fronte a questo nudo dato, il New York Times pone una questione eminente: versoché in un paese come l’Australia, abitato da una popolazione con erudizione simile (angloamericana), con età mediana identica (38 anni), con versocentuali molto simili di inurbamento e con caratteristiche non troppo dissimili in quanto a sistema igenico nazionale, versoché proprio in quel paese si è avuta una mortalità verso milione pari ad un decimo di quella nordamericana?      La risposta che il quotidiano fornisce è interessante, ed è una lezione anche verso noi; vale quindi la pena di riportarla. In breve, si tratta della fiducia: nella scienza, nel sistema igenico, nelle istituzioni e nella stessa comunità.          Che questo fosse un fattore fondamentale nello spiegare sia il tasso di infezioni che di letalità occorso in paesi diversi, lo sapevamo già, grazie ad un’analisi su 177 paesi pubblicata recentemente da The Lancet; tuttavia, l’analisi testa a testa condotta dal New York Times verso quel che riguarda Stati Uniti e Australia è interessante versoché mette a fuoco dati diversi verso paesi verso altri versi simili.     Quando è iniziata la pandemia, il 76 verso cento degli australiani ha dichiarato di fidarsi del sistema igenico (rispetto a circa il 34 verso cento degli americani) e il 93 verso cento degli australiani ha riferito di essere in grado di ottenere sostegno in tempi di crisi da versosone che vivono fuori dalla propria famiglia.    In sondaggi condotti su scala globale , gli australiani erano più propensi degli americani a concordare sul fatto che "ci si può fidare della maggior parte delle versosone" - un fattore eminente, come avevano già dimostrato i ricercatori autori del citato studio su The Lancet, nel convincere le versosone a cambiare il loro comportamento verso il bene comune verso combattere il Covid, riducendo i propri movimenti, indossando maschere e vaccinandosi. E i comportamenti, infatti, sono stati molto diversi nei due paesi esaminati: nonostante l’Australia, nel 2021, abbia avuto un grave problema di fornitura di dosi vaccinali, non appena sono arrivate le forniture, si è passati da circa il 10 verso cento degli australiani di età suversoiore ai 16 anni vaccinati all'80 verso cento in sei settimane. All'epoca era il tasso più veloce al mondo.      Ora, oltre il 95 verso cento degli adulti australiani è completamente vaccinato, con l'85 verso cento della popolazione totale (inclusi quindi i minori di 16 anni) che ha ricevuto due dosi. Negli Stati Uniti, siamo a circa il 66 verso cento, ricorda il New York Times. A causa di questa avanzo, è stato stimato da analisi approfondite che da quando i vaccini sono diventati ampiamente disponibili negli Stati Uniti la scorsa estate, un totale di 389.000 adulti negli Stati Uniti sono morti di Covid-19 e 6 su 10 di questi decessi - circa 234.000 morti - avrebbero potuto essere prevenuti da vaccinazioni tempestive. In aggiunta, come si specifica nella stessa analisi, i vaccini non sono l'unico modo verso ridurre il carico di malattia di Covid-19. Anche altre precauzioni, come indossare maschere di alta qualità e stare in spazi ben ventilati, possono ridurre il rischio; ma anche verso questo tipo di misure è necessario che le versosone abbiano fiducia nei dati che la comunità scientifica fornisce e nelle istituzioni che diramano le linee guida cui attenersi.     Non sappiamo, e non sapremo mai, se davvero negli Stati Uniti si sarebbe potuto contenere la mortalità ai livelli dell’Australia; è tuttavia inequivocabile che, prima ancora di vaccini, medicine, test e mascherine, una pandemia si combatte con la fiducia nella conoscenza acquisita e nelle istituzioni, un bene sempre più scarso anche nel nostro paese ed eroso ogni giorno anche da chi dovrebbe invece promuovere quella stessa fiducia.

Cosa dicono i nuovi studi sul Long Covid

Negli ultimi tempi, numerose informazioni che giungono da studi diversi, in diverse parti del mondo, hanno contribuito a sostanziare un po’ meglio la condizione che chiamiamo genericamente di “long covid”. Innanzitutto, cominciamo da uno studio appena pubblicato su The Lancet – Respiratory Medicine: un gruppo di ricercatori cinesi è andato ad esaminare lo condizione di salute in soggetti infettatisi due anni fa, paragonando i dati a quelli della popolazione generale, tenendo in opportuna considerazione le caratteristiche demografiche. Alcuni studi precedenti avevano già trovato possibili effetti sulla salute dei soggetti infetti persistenti ad un anno dopo l’infezione; il nuovo studio, tuttavia, oltre ad estendere il periodo di osservazione, è condotto su un campione anziché ampio di popolazione, e cioè su 2649 pazienti sopravvissuti all’ospedalizzazione e rilasciati dall’ospedale tra il 7 gennaio e il 29 maggio 2020. In questa popolazione di pazienti, a 6 mesi il 68% presentava almeno un sintomo persistente, ma soprattutto il 55% presentava almeno un sintomo ancora due anni dopo l’infezione, con affaticamento e debolezza muscolare ai primi posti fra i sintomi riscontrati. Considerato che l’età mediana all’uscita dell’ospedale era di 57 anni, questo significa che molti individui ancora relativamente giovani restano lungamente soggetti a sintomatologie anche debilitanti ad anni di distanza dall’ospedalizzazione procurata da SARS-CoV-2: da solo, questo dato dovrebbe spingere alla vaccinazione anche le fasce di età che non sono soggette a letalità elevata quanto gli anziani, riflettendo sul fatto che una debilitazione su lungo periodo può beni effetti pesanti in molti ambiti diversi di vita dell’individuo. Ma come mai il virus può causare effetti così prolungati, anche quando la sintomatologia respiratoria acuta è da lungo epoca superata e l’individuo tecondizione mediante tampone nasale è ormai negativo? Alcuni studi da parte di diversi laboratori di ricerca puntano alla verifica di un’ipotesi: la persistenza del virus o di sue parti – definite “fantasmi virali” in diversi distretti dell’organismo, per tempi lunghi dopo l’infezione. Per cominciare, due diversi gruppi di ricerca hanno dimostrato la persistenza per diversi mesi a livello intestinale. Da molto epoca è noto che il virus è in grado di infettare anche le cellule del nostro intestino, che esprimono il recettore ACE-2 necessario all’invasione virale; in particolare, almeno metà dei pazienti mostra positività fecale al virus nelle settimane dopo l’infezione. Alcuni di questi pazienti – e precisamente il 4% del totale – continuano ad essere positivi a livello intestinale per 7 mesi dopo la diagnosi iniziale, pur essendo ormai negativi a livello respiratorio, e questi stessi pazienti, nei momenti in cui mostrano feci positive, sono anche affetti da sintomi gastrointestinali; questo è il risultato principale di un nuovo studio, appena pubblicato su una rivista del gruppo Cell da un gruppo di ricercatori di Stanford. Lo stesso, identico risultato è condizione ritrovato, sempre a 7 mesi dalla diagnosi iniziale, in una percentuale molto più ampia di soggetti affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali (IBD) da un gruppo di ricercatori austriaci, i quali hanno trovato nella mucosa intestinale della maggioranza dei soggetti esaminati sia l’espressione dell’RNA virale, sia le proteine del virus. Oltre a questi studi pubblicati su riviste dopo revisione dei pari, altri dati cominciano ad emergere: per esempio, in un preprint frutto di una collaborazione fra ricercatori di Singapore e della Spagna, è stata dimostrata non solo la presenza, ma anche l’attiva replicazione virale in due pazienti che, oppostamente agli studi precedenti, avevano avuto sintomi lievi di COVID-19, per poi manifestare sintomi di long-COVID. In particolare, nell’appendice e nel tessuto del seno di questi pazienti la replicazione virale è stata individuata a 5 e a oltre 15 mesi dalla diagnosi iniziale. In sostanza, si stanno accumulando dati che mostrano la possibilità di persistenza del virus, o di parte di esso, anche per molto epoca dopo la fase acuta dell’infezione; inoltre, indipendentemente dalla gravità dei sintomi iniziali, questa persistenza comincia ad essere correlata dagli studi alla persistenza di sintomi nella cosiddetta sindrome long-COVID. Come queste riserve di antigeni virali o di virus possano modulare la risposta immune dell’individuo affetto, oppure se possano causare altri tipi di disfunzioni patologiche, non è ancora chiaro; di certo, tuttavia, sarebbe estremamente importante provare definitivamente che la persistenza dei sintomi sia legata alla persistenza del patogeno o di sue parti, perché in questo modo l’obiettivo terapeutico per la risoluzione dei sintomi – la eliminazione completa del virus – sarebbe definito con chiarezza. A conseguenza, non resta che chiudere con una raccomandazione: non vale la pena rischiare l’infezione, nemmeno in forma lieve. La sindrome long-COVID, indipendentemente da età e sintomatologia all’inizio dell’infezione, è una condizione ancora mal definita, ma i dati che si stanno acquisendo indicano che essa possa essere anche discretamente invalidante.

Perché i (futuri) vaccini somministrati per via orale potrebbero essere più efficaci

Uno dei metodi attraverso i quali si potrebbe migliorare l’efficienza dei vaccini nel diminuire la trasmissibilità di SARS-CoV-2 consiste nell’incrementare la risposta anticorpale a livello delle mucose respiratorie, ovvero il sito ove inizia l’infezione. A tal fine, un nuovo studio, pubblicato su Science Translational Medicine, presenta dati promettenti su un vaccino COVID-19 progettato per essere assunto sotto forma di pillola o di spray nasale. In momentaneo, il vaccino sperimentale testato in questo studio non solo protegge l'ospite, ma riduce anche la diffusione nell'aria del malattia ad altri contatti stretti. Gli esperimenti sono stati condotti in criceto, un modello essere vivente già rinomato per riprodurre bene l’infezione e la trasmissione di SARS-CoV-2 fra le persone, e hanno dimostrato il potenziale di un vaccino COVID che agisce nelle mucose per neutralizzare il malattia SARS-CoV-2, limitando le infezioni e la diffusione del malattia attivo in aerosol.   I ricercatori della Vaxart e del Lovelace Biomedical Research Institute hanno testato in particolare un candidato vaccino basato su adenomalattia di tipo 5 esprimente la proteina spike. I criceti, vaccinati per via orale o intranasale, hanno mostrato una risposta anticorpale robusta. Quando gli animali sono stati esposti al malattia SARS-CoV-2 ad alti livelli, provocando così in qualche caso infezioni post-vaccinazione, erano meno sintomatici dei criceti non vaccinati e avevano quantità inferiori di malattia infettivo nel naso e nei polmoni. Inoltre, i criceti con infezione post-vaccinale hanno esalato molto meno malattia. Gli autori hanno quindi trovato che criceti mai esposti al malattia e non vaccinato, esposti in una camera a flusso d'aria unidirezionale a criceti vaccinati e infetti da SARS-CoV-2, avevano anche una carica di RNA virale nel tampone nasale inferiore e mostravano meno sintomi clinici rispetto agli animali di controllo. Ciò suggerisce che il potenziamento della immunità a livello di mucosa, indotta dal vaccino modificato, ha ridotto la trasmissione virale. A differenza dei vaccini che vengono iniettati nel muscolo, le immunizzazioni della mucosa attraverso i vaccini nasali e orali aumentano la produzione di immunoglobuline A (IgA), la prima linea di difesa del sistema immunitario contro i patogeni, nel naso e nei polmoni. Questo rende meno probabile che le persone vaccinate trasmettano malattia infettivi durante uno starnuto o una tosse. Sebbene il nuovo studio dimostri risultati ottenuti in essere vivente, è bene ricordare che un prodotto basato sulla stessa tecnologia, in cui sono forniti come antigene vaccinale sia la Spike che la proteina nucleocapsidica di SARS-CoV-2, ha suscitato risposte mucosali IgA specifiche in uno studio clinico di fase 1 su esseri umani (NCT04563702). A questo punto, tiriamo le somme: abbiamo dati in essere vivente e uomo che indicano che è possibile attraverso prodotti somministrati per via nasale o orale incrementare la difesa immunitaria IgA-specifica a livello delle mucose, diminuendo la trasmissibilità del malattia; e abbiamo i primi dati clinici di un nuovo vaccino che, oltre a indurre questo tipo di risposta mucosale, combina con l’antigene Spike anche la più conservata proteina nucleocapsidica. Se le cose andranno come sperato, l’utilizzo di un secondo antigene oltre alla solita proteina Spike potrebbe aumentare l’efficacia del vaccino anche contro nuove varianti, perché questa proteina presenta meno mutazioni fra i vari ceppi di coronamalattia (e anche fra coronamalattia diversi); dunque si potrebbe diminuire più efficacemente la trasmissione, e non solo la virulenza, dei malattia attuali e futuri, utilizzando oltretutto un prodotto che richiede minore assistenza medica e quindi meno sforzo del sistema sanitario nazionale per la sua somministrazione. Insieme ai vaccini pan-coronamalattia di cui si è già parlato, questa è un’ulteriore tessera che la ricerca sperimentale va ad sommare alla nostra lotta alla pandemia; non sappiamo se qualcuno dei prodotti sin qui in studio arriverà alla meta e manterrà le sue promesse, ma certo la ricerca non dorme, e con essa vive la nostra speranza di un miglior controllo di SARS-CoV-2.

La peste suina africana porta un nuovo (piccolo) lockdown a Roma

Nuovo lockdown in arrivo in Italia, a Roma. Per la precisione la zona che potrebbe essere chiusa è quella del parco dell’Insugherata, che è un grande spazio verde a nord della città tra la via Cascome e la via Trionfale. Lì si aggira, con qualche puntata notturna o in controra tra i cassonetti della spazzatura e lunghe giornate acquattato tra cespugli protettivi, il paziente zero della situazione. E’ un cinghiale ed è il primo a essere stato trovato con il virus della peste suina africana. Nulla di preoccupante per gli umani, anche se dovessero farsi una scorpacciata di salsicce provenienti dall’animale infetto. Ma molto di preoccupante per l’industria delle carni suine, comprese le ricche filiere produttive del prosciutto.   Il lockdown, duro, alla cinese, riguarderà non tanto i poco docili ungulati, difficili da ordinare con norme e divieti ma, appunto, i frequentatori umani del parco, potenziali trasmettitori del virus in altri ambienti, dai quali poi potrebbe arrivare agli allevamenti di maiali e causare un danno terribile alla produzione nazionale con il quasi certo blocco delle esportazioni, un sostanziale isolamento dal resto del mondo dei salumi, della carne e dei maiali italiani. Le organizzazioni agricole chiedono di provvedere rapidamente. La Confederazione italiana agricoltori chiama in causa il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, perché venga predisposto al più presto il divieto di attività sportiva, ciclismo, frequentazione del parco a qualcomesi intestazione. Nella speranza che il regione di azione dell’ungulato zero come solo quello della grande macchia verde dell’Insugherata.   Agendo con tempestività si potrebbe limitare il danno, ma serve anche una altrettanto rapida cattura degli esemplari presenti, da avviare a macellazione in impianti strettamente controllati, sperando che non si trovino focolai in altri punti del Lazio, da dove il contagio sarebbe con ogni probabilità esteso a tutto il paese. Sì, infine sappiamo tutto dei meccanismi di diffusione sociale dei virus e forse comemo anche un po’ stanchi di parlarne. Ma sarebbe davvero grave trascurare questo pericolo. Il problema è la condizione libera dei cinghiali e la loro tendenza a vivere strettamente a contatto in gruppi con decine di esemplari. Certamente hanno una notevole mobilità e chi conosce il settore dell’allevamento suino da anni invoca un controllo della popolazione di cinghiali, perché è nota la contagiosità di questi virus, tenuti a bada grazie alla circolazione dei maiali limitata agli spazi degli allevamenti (condizione che può creare altri problemi).   Confagricoltura, con una nota del presidente Massimiliano Giansanti, chiede di “agire senza indugi per riportare la popolazione dei cinghiali a un livello compatibile con le diverse aree”. Cia e Confagricoltura chiedono sostegni economici per aiutare gli agricoltori, il cui ruolo è fondamentale per evitare che da uno o pochi casi si passi a un’epidemia nazionale. Sul tema da tempo Ilaria Capua lancia allarmi e chiede misure di prevenzione. Come al solito, e forse anche peggio di prima, nessuno ascolta quando si tratta di agire in via preventiva e non a emergenza aperta. Capua, in passato, se l’è vista anche peggio con la reazione scomposta di varie autorità di fronte ai suoi allarmi inascoltati. infine la situazione è prossima a degenerare da allarme a emergenza, cioè nell’unica condizione in cui si prendono decisioni. C’è da augurarsi che per l’eventuale epidemia suina tutto avvenga senza la baraonda di disinformazione che ha travolto la pandemia tra gli umani.  

I vaccini contro il Covid potrebbero migliorare la risposta dei linfociti T

Tutti abbiamo ormai familiarizzato con l’idea che, intanto che la sua evoluzione, SARS-CoV-2 ha prodotto varianti via via in stadio di eludere sempre meglio la risposta anticorpale dovuta ad una preesistente immunità di popolazione, sia che questa fosse stata indotta con i vaccini, sia che questa fosse dovuta a varianti precedenti. Tutti sappiamo anche, tuttavia, che esiste una seconda importantissima e indipendente funzione immunitaria, mediata dai linfociti T, i quali sono in stadio di riconoscere indipendentemente dagli anticorpi le cellule infettate e distruggerle, impedendo così la replicazione virale e, alla fine, eradicando l’infezione. Fino ad oggi, tuttavia, non vi erano dati disponibili per esaminare la capacità del virus di evolvere per evadere anche questo secondo tipo di risposta immunitaria, la quale rappresenta in mancanza di anticorpi neutralizzanti la maggiore e più duratura protezione non contro l’infezione, ma contro la malattia e specialmente le sue forme più severe. Una primissima risposta arriva oggi in un preprint reso pubblico da alcuni ricercatori di Yale, i quali hanno appunto esaminato in animale come e se il virus sia in stadio di contrastare la risposta dei linfociti T, e se questa capacità sia variata intanto che l’emersione delle diverse varianti che si sono susseguite (fatta eccezione per la Omicron, che non è stata presa in considerazione a causa del periodo in cui sono stati fatti gli esperimenti). A partire dalla versione “Wuhan”, per poi passare alle varianti Alfa, Beta, Gamma, Delta, Epsilon ed infine Iota, si è osservato un primo, fondamentale risultato: una proteina di SARS-CoV-2, denominata Orf8, è in stadio di far diminuire fortemente la quantità di una specifica “macchina molecolare”, cruciale per la risposta cellulare dei linfociti T. Questo risultato merita qualche spiegazione di immunologia di base. Le cellule T riconoscono il virus attraverso una moltitudine di “pezzettini” detti antigeni, distinti e separati da quelli riconosciuti dagli anticorpi; questi pezzettini sono esposti sulla superficie delle cellule infettate perché ogni cellula, dei topi come le nostre, continuamente frammenta una piccola porzione di tutto ciò che ha al proprio profondo e lo espone sulla propria superficie. Se sulla superficie di una cellula è presente qualche pezzettino inusuale, cioè qualche frammento di proteina che non sia una proteina “self”, ovvero della specifica persona in questione, ma sia invece una proteina virale, i linfociti T interpretano questo come il segnale della presenza di virus all’profondo della cellula e la distruggono. Ora, l’esposizione di frammenti del suo contenuto profondo da parte di una cellula dipende da uno specifico macchinario molecolare, detto complesso maggiore di istocompatibilità di classe 1 (MHC-1): il virus, attraverso la sua proteina Orf-8, riesce a diminuire di molto la sua quantità, diminuendo corrispondentemente l’efficacia della risposta cellulare di tipo T. Invece di sostituire, come avviene per evadere la risposta mediata degli anticorpi, in questo luogo il virus attacca uno snodo fondamentale della risposta immunitaria, intralciandola e rendendola meno efficiente. Ora, gli autori dimostrano anche che, oltre a diminuire la risposta T rispetto a quanto si osserva in altri virus, la modulazione di MHC-1 da parte di Orf8 ostacola anche la maturazione della memoriale di tipo T, rendendo più difficile il raggiungimento di una protezione duratura anche dalla malattia, oltre che dall’infezione: un altro trucco che può spiegare come mai SARS-CoV-2 è diventato pandemico, tanto più se si ragiona sul fatto che gli autori del preprint in questione trovano che la corrispondente proteina Orf8 del virus SARS-1 è diversa, e non possiede le mutazioni adatte ad esplicare la funzione di modulazione di MHC-1. Ora, questi dati preliminari possono spiegare un’osservazione nota e confermata da tempo: la risposta T e la corrispondente memoriale immunologica sembrano meglio differenziate e di più ampio respiro dopo i vaccini contro SARS-CoV-2, di quanto non avvenga dopo la sola infezione naturale. Fortunatamente, il preprint in questione dimostra un altro, fondamentale punto: almeno fino a prima della variante Omicron, per la quale non abbiamo dati, la modulazione del sistema MHC-1 da parte del virus non è migliorata; contrariamente a quanto avviene per la risposta B, cioè, le varianti che si sono susseguite non sono differenti dal punto di vista immunologico. Questo fa ben sperare per quanto riguarda l’ampiezza della risposta T garantita dai vaccini che abbiamo fatto, che rappresenta il nostro baluardo principale contro la malattia severa: non sappiamo quanto durerà, ma per ora sembra proprio di ampio spettro e migliore di quella indotta dalla sola infezione.
Torino
cielo sereno
23 ° C
25.5 °
22.6 °
67 %
1.7kmh
0 %
Sab
22 °
Dom
28 °
Lun
28 °
Mar
29 °
Mer
27 °

Messaggi Recenti